DOMENICANI

Provincia Romana di S. Caterina da Siena

NEWSLETTER
Ricevi sulla tua email gli ultimi articoli del nostro sito e tutte le iniziative della nostra Provincia


*) Iscrivendomi alla Newsletter dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla Privacy ai sensi del D.LGS. n. 196/2003

Giunga a te la mia preghiera

briciole2

Giunga a te la mia preghiera, che guizza come saetta dal desiderio che nutro per i tuoi beni eterni.

Io la innalzo al tuo orecchio: aiutala, affinché ti raggiunga e non venga meno a metà della mia corsa, n ricada a terra o vada perduta. Anche se per ora non mi vedo arrivare i beni che chiedo, sono tranquillo, perché so che verranno più tardi... Io gridavo anche di notte e tu non mi esaudivi. Ma anche questi tuoi dinieghi nell'esaudirmi non erano per confondermi ma per rendermi più saggio: perché io capissi ciò che ti avrei dovuto chiedere. Ti pregavo infatti per delle cose che, se le avessi ricevute, sarebbero state a mio danno. Dà ciò che comandi e comanda ciò che vuoi. Ogni mia speranza è posta nell'immensa grandezza della tua misericordia. Da' ciò che comandi e comanda ciò che vuoi... O amore, che sempre ardi senza mai estinguerti, carità, Dio mio, infiammami!

S. Agostino

Una notte le farfalle si riunirono con l’intento di conoscere la fiamma della lucerna. Dissero: qualcuna di noi deve darci le informazioni necessarie sull’oggetto delle nostre ricerche. Una farfalla si staccò dal gruppo dirigendosi verso un castello dove brillava una luce. Tornò portando le notizie acquisite. La farfalla più anziana le disse: tu non conosci niente della fiamma. Ne partì un’altra che seguendo la luce, entrò nella stanza dove era accesa la lucerna. Si avvicinò alla fonte luminosa mantenendosi ad una giusta distanza, svolazzò intorno, quindi si allontanò per il troppo calore. Ritornò portando una manciata di notizie. La farfalla anziana disse: anche la tua non è una relazione completa, vale quanto quella della tua compagna. Partì una terza, ebbra si fermò sulla fiamma, l’abbracciò perdendosi gioiosamente nel suo ardore. Avvolta nel fuoco, divenne fuoco. La farfalla anziana disse: solo costei sa cosa sia la fiamma. E: finché non dimenticherai il tuo corpo e l’anima tua come potrai conoscere l’Amato?

 

(rubrica a cura di fr. Vincenzo Caprara, O.P.)

NB: Questa pubblicazione non è a scopo di lucro. Pertanto se qualcuno trovasse qualunque improprietà di pubblicazione o riproduzione nel presente sito è pregato di comunicarlo all'amministratore con un messaggio scritto alla pagina Facebook "www.facebook.com/fratidomenicani". Grazie della vostra collaborazione e segnalazione.

Ed iniziò a mandarli a due a due per portare
e predicare al mondo la Parola di Dio
Scopri di più ...

Frati, Monache e Laici Domenicani...
parliamo con Dio e di Dio nel XXI secolo
Scopri di più ...

E se Dio ti avesse scelto? E se ti stesse chiamando ad essere un frate domenicano?
Scopri di più ...