DOMENICANI

Provincia Romana di S. Caterina da Siena

donazion2

 

DOMENICA 7 DICEMBRE

foto-avventoLe letture bibliche di questa seconda domenica di Avvento  sottolineano che per accelerare la venuta del Signore e del Cielo e la terra nuova  di cui tutti  siamo in attesa (2 Pietro 3, 8-14) dobbiamo preparare il cammino a Cristo ( Isaia 40, 1-5. 9-11; Marco 1, 1-8).

Solo grazie a una profonda conversione  personale e comunitaria, che recuperi il tema di una fede profonda e attiva, sarà possibile la trasformazione  dell’uomo e acquisterà senso il nostro camino di accoglienza e incontro al Signore che viene a  noi  per  salvarci.
Giovanni il battezzatore e’  il personaggio  centrale  dell’inizio del Vangelo secondo Marco, che è l’unico evangelista  che apre la sua narrazione con la predicazione del Battista nel deserto, spazio dove si vive la profondità,  l’essenziale, la semplicità, dove si e’ tentati, dove si prendono decisione importanti.
Giovanni è preconio che invita a prepararci ad accogliere come conviene il Messia Salvatore;  è una voce che anima a mettersi in sintonia con una Voce, Gesù Signore, che parla nel tuo silenzio per riempirlo; è un evento: il Battesimo di Conversione che ci farà  ritornare al progetto che Dio ha voluto per ogni persona: la felicita’ e la nostra realizzazione integrale.
La parola  e  il Battesimo del Battista  ci portano direttamente a LUI: Gesù Cristo Figlio di Dio (Mc 1.1), non ad altri.
Questo camino di preparazione a ricevere Gesù, ci dovrà portare ad accogliere la forte chiamata a una vera conversione del cuore, della mente, delle opere e azioni di tutti i giorni e dei frangenti importante da vivere e celebrare.
Isaia, Giovanni il Battista, le realtà del deserto, del camino, il desiderio di incontrare e accogliere il Signore  sono un invito  e segno a riprendere in mano la nostra vita nell’ottica di una fede più profonda, più pura e più attiva.
Auguriamoci con le  sante parole del grande Papa, il Beato Paolo VI che questo nostro camino di Avvento per il deserto ci aiuti a “Saper attendere, saper desiderare, saper ricevere” (Beato Paolo VI, 22 Dicembre 1971).

fr. Giorgio Pittalis
Missionario in Guatemala

Riferimenti scritturistici: Isaia  40, 1-5. 9-11 - Salmo 85, 9ª-c10; 11-12; 13-14 - 2 Pietro  3, 8-14  -  Marco 1, 1-8

Ed iniziò a mandarli a due a due per portare
e predicare al mondo la Parola di Dio
Scopri di più ...

Frati, Monache e Laici Domenicani...
parliamo con Dio e di Dio nel XXI secolo
Scopri di più ...

E se Dio ti avesse scelto? E se ti stesse chiamando ad essere un frate domenicano?
Scopri di più ...