DOMENICANI

Provincia Romana di S. Caterina da Siena

donazion2

LUNEDI 29 DICEMBRE

natale-2014La pagina del vangelo è sulla presentazione di Gesù al tempio (Lc.2,22-35). Luca scrive : “Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, portarono  il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore”.

Luca non parla di riscatto per Gesù come si affermava nel libro dell’Esodo (13,2), ma di annuncio dell’angelo (1,35) dicendo che “ogni maschio primogenito sarà consacrato al Signore” (2,23). Quindi, Gesù non è riscattato come gli altri bambini ebrei, perché è lui stesso il Salvatore (2,11) e lo dice il suo stesso nome.  Nella narrazione di Luca è presente alla Presentazione anche Simeone, “uomo giusto e timorato di Dio”, che mosso dallo Spirito Santo si era recato al tempio. Egli prendendo tra le braccia il bambino benedisse Dio dicendo “Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli…”. Il cantico di Simeone, il nunc dimittis in latino, è entrato fin dal V sec. nella preghiera serale della liturgia. Al centro del mistero del Natale c’è Gesù. A completare il quadro, ora, c’è nella Presentazione anche la Santa Famiglia: Gesù, Maria e Giuseppe e non solo. Luca con la Presentazione vuole dirci qualcosa. Si sa che ha scritto il vangelo dell’infanzia alla luce della Pasqua. Gesù, entrando nel tempio, ne prende possesso e per anticipazione  già lo sostituisce offrendo la salvezza a tutte le genti. La Santa Famiglia e Simeone, perché “poveri”( anawim), hanno la gioia di accogliere Gesù-salvezza e offrirlo agli altri. Giovanni nella sua prima lettera dalla prima lettura del  giorno(1Gv 2,3-11) scrive,”Da questo sappiamo di averlo conosciuto: se osserviamo i suoi comandamenti.”  Continuando egli pone l’accento sul comandamento che è la Parola. Conoscere la Parola significa vivere la Parola che in Gesù si è fatto carne/povero e poterci così sentire membri della stessa Famiglia che  continua a costruire il suo Regno sulla terra .

fr. Giovanni Palma, O.P.
Convento san Domenico (Perugia)

 

Riferimenti scritturistici: 1Gv 2,3-11   Sal 95   Lc 2,22-35

Ed iniziò a mandarli a due a due per portare
e predicare al mondo la Parola di Dio
Scopri di più ...

Frati, Monache e Laici Domenicani...
parliamo con Dio e di Dio nel XXI secolo
Scopri di più ...

E se Dio ti avesse scelto? E se ti stesse chiamando ad essere un frate domenicano?
Scopri di più ...