DOMENICANI

Provincia Romana di S. Caterina da Siena

donazion2

GIOVEDI 1 GENNAIO

natale-2014

Solennità di Santa Maria madre di Dio “Tutti quelli che udivano si stupivano delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose meditandole nel suo cuore” (Lc 2,18-19).


All’inizio di un nuovo anno, un pensiero va al cammino percorso nel tempo e alla direzione di quello futuro. Il testo di Luca, quasi una pennellata nel quadro dei vangeli dell’infanzia, indica un orizzonte e suggerisce uno stile. Elenca infatti alcuni atteggiamenti propri di chi segue Gesù: ascoltare, stupirsi, custodire.
Tutti udivano. Ascoltare è la prima attitudine di un cammino di fede: ascolto di Dio, ascolto della storia. E’ un ascolto proprio di chi si lascia toccare dalla parola dei pastori. C’è una parola dei poveri da accogliere e ascoltare perché in quella parola si nasconde l’indicazione per un incontro con Gesù.
Si stupivano: c’è un movimento di meraviglia e di ricerca all’origine del credere. Ogni apertura alla realtà e ogni scoperta di sé e degli altri genera stupore. Credere in Gesù s’innesta nell’apertura di una ricerca capace di aprirsi a novità. E’ questione di sguardo, di uno sguardo aperto, che si lascia raggiungere, cambiare per iniziare un cammino nuovo.
Meditare nel cuore: Luca scorge in Maria il profilo della prima discepola di Gesù, donna del credere. Maria ‘mette insieme’, dentro di sé, accoglienza della Parola e sguardo alle vicende umane lasciandosi interrogare. Sa custodire in un’interiorità ospitale.
Ascoltare, divenire capaci di stupore, imparare a porre insieme la storia di Gesù e le nostre storie: è un cammino che può aprirsi ancora, nuovo, nell’anno che inizia.

 

fr. Alessandro Cortesi, O.P.    
Convento San Domenico (Pistoia)

Ed iniziò a mandarli a due a due per portare
e predicare al mondo la Parola di Dio
Scopri di più ...

Frati, Monache e Laici Domenicani...
parliamo con Dio e di Dio nel XXI secolo
Scopri di più ...

E se Dio ti avesse scelto? E se ti stesse chiamando ad essere un frate domenicano?
Scopri di più ...