DOMENICANI

Provincia Romana di S. Caterina da Siena

NEWSLETTER
Ricevi sulla tua email gli ultimi articoli del nostro sito e tutte le iniziative della nostra Provincia


*) Iscrivendomi alla Newsletter dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla Privacy ai sensi del D.LGS. n. 196/2003

Chinarsi

briciole croce

In tutta la vita non c'è cosa più importante da fare che chinarsi perché un altro, cingendoti il collo, possa rialzarsi.

 Luigi Pintor

Speriamo che gli amici lettori percepiscano questo e siano stimolati a lavorare con passione o  almeno a riprendere in mano gli attrezzi della speranza per fecondare questa terra - ogni zolla di terra dove sia dato di vivere! - di semi di umanità, di amicizia e di comunione.  Non è facile oggi. Ma quando mai è stato facile? La terra è bassa non solo per i contadini, ma anche per tutti coloro che si lasciano gonfiare da interessi spirituali, elette idealità, convinzioni di bene assoluto e si dimenticano così che il primo gesto di chi si accinge a seminare qualcosa è un compassionevole chinarsi verso il basso. Compassionevole nel significato letterale di chi lascia che le passioni cantino i loro richiami e che altre voci si uniscano.  Non possiamo coniugare compassione con indifferenza, freddezza, rassegnazione e così via. Ugualmente non possiamo essere compassionevoli ed insieme pieni di s. E non importa se di superbia o di umiliazione, di senso del potere o di tantissima paura. Nella tradizione monastica si insegna a pregare insieme in modo che ognuno con le proprie orecchie ascolti il suono delle voci degli altri mentre unisce la sua al coro. Una fusione plastica che dà forma all'armonia. Vivere la propria vita, "ascoltando" nello stesso tempo quella degli altri, è dunque preghiera, fusione di carne e di sangue che dà forma all'umanità nell'umana compassione.  Non dimentichiamo che il chinarsi verso il basso che ha dato alla compassione il significato distorto dell' opera buona, è il chinarsi verso il basso di chi si colloca nei cieli. Di chi si crede esonerato dalla concretezza del proprio corpo e liberato ad ambizioni e desideri angelici. Siano questi anche l'esser come Dio. Di chi giudica niente ciò che è in basso; niente!, salvato, nella sua assoluta insignificanza, unicamente da ciò che risiede nell'incontaminato azzurro dei cieli.  La terra è bassa, ma chi vi semina guarda al basso non come un supporto inerte, ma come una dimensione viva e ricca di energie. Le sole energie che possono fecondare quello che il seminatore ha in mano e nel cuore.  La terra è bassa, ma chi vi si china sopra con amore sa che è dal basso che il seme deve essere visto e accolto. Sono gli occhi della terra che vedono il cielo! E' così difficile convincerci di questo?  E' così difficile guarire dai terribili morsi dell' onnipotenza che ci hanno fatto delirare di poter ottenere tutto e subito? Chi guarda le cose dal basso (e sono i poveri della terra, i dannati della storia, i relitti delle guerre e delle competizioni liberiste all'ultimo dollaro) cerca di sopravvivere; ed è fatica terribile, ogni giorno. Vogliamo compatirli?  Abbiamo due strade: quella della carità e della compassione buona che ha senso solo quando è il primo passo che ci libera dalla pietra tombale dell'indifferenza, ma rischia, se coltivata per se stessa, di farci salire al cielo del nostro merito. E quella della compassione dura che ci spinge a guardare la realtà - come loro! - dal basso. Lottando anche noi nella nostra realtà storica per quella stessa dignità che per l'affamato è un pezzo di pane; per la stessa libertà che per l'uomo dilaniato da una pallottola è quella di morire stringendo la mano di un altro uomo, negando così la ragione stessa del suo morire ... E' difficile? In questa società complessa, in questi rigurgiti di individualismo esasperato, in questo campo di battaglia chiamato libero mercato? E' difficile chinarsi sulla bassa terra, quando tutta la nostra attesa è concentrata sul momento in cui ci spunteranno le ali.  E' difficile. E allora? 

 

(rubrica a cura di fr. Vincenzo Caprara, O.P.)

NB: Questa pubblicazione non è a scopo di lucro. Pertanto se qualcuno trovasse qualunque improprietà di pubblicazione o riproduzione nel presente sito è pregato di comunicarlo all'amministratore con un messaggio scritto alla pagina Facebook "www.facebook.com/fratidomenicani". Grazie della vostra collaborazione e segnalazione.

Ed iniziò a mandarli a due a due per portare
e predicare al mondo la Parola di Dio
Scopri di più ...

Frati, Monache e Laici Domenicani...
parliamo con Dio e di Dio nel XXI secolo
Scopri di più ...

E se Dio ti avesse scelto? E se ti stesse chiamando ad essere un frate domenicano?
Scopri di più ...