DOMENICANI

Provincia Romana di S. Caterina da Siena

NEWSLETTER
Ricevi sulla tua email gli ultimi articoli del nostro sito e tutte le iniziative della nostra Provincia


*) Iscrivendomi alla Newsletter dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla Privacy ai sensi del D.LGS. n. 196/2003

Conservami un cuore

briciole2

Santa Maria, Madre di Dio, conservami un cuore di fanciullo, puro e limpido come sorgente.

Ottienimi un cuore semplice, che non si ripieghi sulle proprie tristezze; un cuore generoso nel donarsi, pieno di tenera compassione; un cuore fedele e aperto, che non dimentichi alcun bene, e non serbi rancore di alcun male. Creami un cuore dolce e umile, che ami senza esigere d'essere riamato, felice di sparire in altri cuori sacrificandosi davanti al tuo Figlio divino. Un cuore grande e indomabile, che nessuna ingratitudine possa chiuderlo e nessuna indifferenza stancare. Un cuore tormentato dalla gloria di Gesù Cristo, con piaga che non rimargini se non in cielo.

p. de Grandmaison

«Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore» (Lc 2, 19) e ancora: «…serbava tutte queste cose nel suo cuore» (Lc 2, 51). Oltre a Gesù, Maria nella Scrittura è l’unica persona a cui il termine “cuore” viene esplicitamente riferito. È giusto allora cercare di comprendere le caratteristiche, i tratti di questo cuore. Parafrasando Geremia 3,15: «Vi darò pastori secondo il mio cuore», si può affermare che il cuore di Maria è cuore secondo il cuore di Dio, un cuore preparato da Dio stesso, come il racconto dell’annunciazione lascia intendere.«Rallegrati, o piena di grazia» (Lc 1, 28): è il saluto che l’angelo rivolge a Maria, ma queste sono parole che, oltre a salutare Maria, indicano anche un’azione previa di Dio, azione che ha trasformato Maria, in vista del ruolo che l’attendeva, quello di divenire la madre del Messia. E’ il cuore che ha guidato chi era schiavo del peccato ad obbedire docilmente alla Parola del Signore ( Rom 6,17). Sono “gli occhi del cuore” che ci portano ad avvicinarci alla sua conoscenza ( cfr. Ef 1, 18). La fede accende nel nostro cuore la luce di Cristo , che se la accogliamo con passione, si irradierà per mezzo nostro intorno a noi.

 

(rubrica a cura di fr. Vincenzo Caprara, O.P.)

NB: Questa pubblicazione non è a scopo di lucro. Pertanto se qualcuno trovasse qualunque improprietà di pubblicazione o riproduzione nel presente sito è pregato di comunicarlo all'amministratore con un messaggio scritto alla pagina Facebook "www.facebook.com/fratidomenicani". Grazie della vostra collaborazione e segnalazione.

Ed iniziò a mandarli a due a due per portare
e predicare al mondo la Parola di Dio
Scopri di più ...

Frati, Monache e Laici Domenicani...
parliamo con Dio e di Dio nel XXI secolo
Scopri di più ...

E se Dio ti avesse scelto? E se ti stesse chiamando ad essere un frate domenicano?
Scopri di più ...