DOMENICANI

Provincia Romana di S. Caterina da Siena

donazion2

 

Piango perchè...

Is 49,1-6   Sal 70   Gv 13,21-33.36-38

Siamo oramai entrati nella grande e santa settimana e così, la liturgia di questi giorni santi, ci invita sempre più a non essere solo spettatori inermi. Ci incoraggia ad assumere pienamente e consapevolmente la nostra parte di responsabilità a schierarci dalla parte della verità e dell’amore. Quelle parole brucianti del brano evangelico odierno, il Signore le dice qui ed ora, a ciascuno di noi: “Darai la tua vita per me?“ E se non sappiamo rispondere perché calde lacrime ci impediscono di proferire parole, perché insicuri, perché dubbiosi, perché distratti o perché in fondo sappiamo che il solo entusiasmo non basta; facciamo nostre le parole che Sant’Ambrogio ha sulle lacrime di mistica bellezza, siano per noi lacrime di fuoco e di luce sull’esempio del Santo Padre Domenico: “ Pietro pianse, perché ha pianto ? Perché il peccato lo ha colto di sorpresa.

Io sono solito piangere se non riesco a peccare, cioè, se non riesco a vendicarmi, se non ottengo ciò che ingiustamente desidero: Pietro, invece, ha sofferto e pianto perché ha sbagliato come un uomo. Non leggo nel Vangelo che cosa disse, trovo soltanto che pianse. Buone sono le lacrime che lavano la colpa. Piangono coloro che Gesù guarda. Pietro ha negato una prima volta e non ha pianto, perché il Signore non lo aveva guardato. Ha negato una seconda volta, e di nuovo non ha pianto, perché ancora il Signore non aveva rivolto il suo sguardo verso di lui. Nega una terza volta: Gesù lo guardò, ed egli pianse amaramente. Guardaci, Signore Gesù, affinché noi sappiamo piangere i nostri peccati.”
 

fr. Alfredo Scarciglia
Convento S. Domenico, Siena

Ed iniziò a mandarli a due a due per portare
e predicare al mondo la Parola di Dio
Scopri di più ...

Frati, Monache e Laici Domenicani...
parliamo con Dio e di Dio nel XXI secolo
Scopri di più ...

E se Dio ti avesse scelto? E se ti stesse chiamando ad essere un frate domenicano?
Scopri di più ...