DOMENICANI

Provincia Romana di S. Caterina da Siena

donazion2

 

"Contemplari et contemplata aliis tradere": un motto che si fa vita

Letture: Gen 12, 1-4   Sal 32   2Tm 1,8-10   Mt 17,1-9

Nel racconto della Trasfigurazione, che ci propone la liturgia in questa II domenica di Quaresima, fermiamoci un istante a considerare la proposta di S. Pietro: «È bene per noi stare qui; facciamo tre tende». Anche se il seguito del testo mostra che tale desiderio non ha avuto attuazione, vi è stato, nella Chiesa, chi ha voluto, per quanto possibile, realizzarlo: « i deserti si riempirono di uomini che facevano professione di vita solitaria, che praticavano la povertà di spirito, che rivaleggiavano negli esercizi spirituali e nella contemplazione di Dio », scrive, commentando il nostro testo, Guglielmo di San Teodorico (Epistula ad fratres de Monte Dei, § 12) e, per secoli, la vita monastica è stata generalmente considerata come lo stato di vita più perfetto. Però, in realtà, non è così.

Infatti, se il dedicarsi alla contemplazione di Dio, nella misura in cui ciò è possibile su questa terra, manifesta senza dubbio un’ardente carità, vi è tuttavia un grado superiore di carità, come insegna S. Tommaso: «L’opera della vita attiva […] che deriva dalla pienezza della contemplazione, come l’insegnamento e la predicazione […] è da anteporre alla semplice contemplazione. Infatti, come è meglio illuminare che non semplicemente brillare, così è meglio comunicare agli altri ciò che si è contemplato che non contemplare soltanto» (IIa IIae, q. 188, a. 6, c.).

Questo grado superiore della carità è quello che ha vissuto S. Domenico e che i suoi figli si sforzano di vivere, ma dovrebbe anche essere l’ideale di ogni cristiano che vive e opera nel mondo. Se veramente amiamo Dio, noi vogliamo conoscerlo sempre meglio; se veramente amiamo i nostri fratelli, noi vogliamo condividere con loro questa conoscenza che è il vero fine dell’uomo: «la vita eterna è che conoscano te, il solo vero Dio, e colui che tu hai mandato, Gesù Cristo» (Gv 17,3).
 

fr. Daniel Ols, O.P.
Convento S. Maria sopra Minerva, Roma

Ed iniziò a mandarli a due a due per portare
e predicare al mondo la Parola di Dio
Scopri di più ...

Frati, Monache e Laici Domenicani...
parliamo con Dio e di Dio nel XXI secolo
Scopri di più ...

E se Dio ti avesse scelto? E se ti stesse chiamando ad essere un frate domenicano?
Scopri di più ...