DOMENICANI

Provincia Romana di S. Caterina da Siena

donazion2

 

Prima che Abramo fosse, Io Sono

Gen 17, 3-9; Sal 104; Gv 8, 51-59

Mentre ci avviciniamo sempre più alla Pasqua, oggi il Vangelo di Giovanni ci presenta la vera identità di Gesù: “Chi osserva le mie parole non vedrà mai la morte” (Gv 8, 51).

La risposta dei giudei si trasforma in ingiuria e incredulità in quanto quelle parole furono dette a Mosè da Jahvè. Inaccettabile, blasfemo!

Nella disputa, Abramo è il personaggio biblico continuamente portato in scena; ma mentre i giudei ne fanno uno strumento per le loro rivendicazioni nazionalistiche, Gesù ne illumina la figura mettendola in una prospettiva di universalità e di fede.
 

Cristo, vero figlio della promessa, ha preso carne nella discendenza di Abramo e rigenerandoci nel sangue, ci ha fatti entrare nella discendenza di colui che, primo, ha creduto e si è vincolato a Dio con un’alleanza perenne in cui tutti sono inclusi, non solo il popolo eletto.
 

Da ciò si comprende che Abramo non è mai stato un cerchio chiuso nella storia, ma uomo interamente posto al servizio delle generazioni future; ma questa sua funzione si spiega unicamente in rapporto alla missione del Cristo, vero terreno d’incontro tra l’uomo e Dio. Su questo terreno si realizza pienamente l’alleanza d’amore tra Dio e gli uomini.

La necessaria conoscenza di Cristo permette di osservare la volontà di Dio per vivere in eterno.
 

Fr. Maxim D’ Silva
Convento S. Domenico, Perugia

Ed iniziò a mandarli a due a due per portare
e predicare al mondo la Parola di Dio
Scopri di più ...

Frati, Monache e Laici Domenicani...
parliamo con Dio e di Dio nel XXI secolo
Scopri di più ...

E se Dio ti avesse scelto? E se ti stesse chiamando ad essere un frate domenicano?
Scopri di più ...