DOMENICANI

Provincia Romana di S. Caterina da Siena

donazion2

NEWSLETTER
Ricevi sulla tua email gli ultimi articoli del nostro sito e tutte le iniziative della nostra Provincia


*) Iscrivendomi alla Newsletter dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla Privacy ai sensi del D.LGS. n. 196/2003

Religione e fede

briciole frate

Uomini vanno a Dio nella loro tribolazione, piangono per aiuto, chiedono felicità e pane, salvezza dalla malattia, dalla colpa, dalla morte.

Così fanno tutti, tutti, cristiani e pagani. Uomini vanno a Dio nella sua tribolazione, lo trovano povero, oltraggiato, senza tetto n pane, lo vedono consunto da peccati, debolezza e morte: I cristiani stanno vicino a Dio nella sua sofferenza. Dio va a tutti gli uomini nella loro tribolazione, sazia il corpo e l'anima del suo pane, muore in croce per i cristiani e pagani e a questi e a quelli perdona.

Dietrich Bonhoeffer

Solitamente Dio e onnipotenza sono ritenuti sinonimi. Dio si identifica totalmente con la condizione umana e quindi con la sua debolezza. Il tema della debolezza di Dio è estremamente presente nelle riflessione teologica di oggi. Il primo interesse per il cristianesimo deve essere non l'esperienza religiosa dell'uomo, ma quello della salvaguardia e promozione della vita umana, della giustizia. Famosa è la sua affermazione sul compito dei cristiani: pregare e operare tra gli uomini secondo giustizia. Solo passando attraverso il mondo, assumendone pene, sofferenze, contraddizioni, si può entrare in un giusto rapporto con Dio.  Occorre poi pensare il cristianesimo a partire dalla coscienza dell'uomo diventato adulto, prescindendo da una visione del mondo costruita a partire dall'ipotesi Dio. L'uomo contemporaneo organizza il mondo come se Dio non ci fosse. L'avvento di una coscienza secolare, nonostante gli attuali ritorni di Dio, si è verificata. Infatti per l'uomo contemporaneo, adulto, Dio non è più un presupposto. Allora come parlare di Dio in termini non religiosi?  Inoltre l'uomo contemporaneo ha una visione unitaria della realtà (non più questo mondo e un mondo altro).  Da ultimo Bonhoeffer ci invita a diventare umani per diventare cristiani. Gesù non ci chiama ad una nuova religione, ma alla vita. Nell'umanità di Gesù c'è il modello dell'uomo che vive il trascendente.

 

(rubrica a cura di fr. Vincenzo Caprara, O.P.)

NB: Questa pubblicazione non è a scopo di lucro. Pertanto se qualcuno trovasse qualunque improprietà di pubblicazione o riproduzione nel presente sito è pregato di comunicarlo all'amministratore con un messaggio scritto alla pagina Facebook "www.facebook.com/fratidomenicani". Grazie della vostra collaborazione e segnalazione.

Ed iniziò a mandarli a due a due per portare
e predicare al mondo la Parola di Dio
Scopri di più ...

Frati, Monache e Laici Domenicani...
parliamo con Dio e di Dio nel XXI secolo
Scopri di più ...

E se Dio ti avesse scelto? E se ti stesse chiamando ad essere un frate domenicano?
Scopri di più ...